Crea sito
Ultimi articoli

Parliamone! Parliamone eccome!

Qualche settimana fa vedo la televendita di queste padelle; sembrano padelle normali ma sono rivestite in pietra lavica.

Mi lascio convincere e le ordino!

Ormai le sto usando da qualche giorno, e sono strasoddisfatta dell’acquisto!

Sono talmente antiaderenti che non occorre assolutamente usare alcun tipo di condimento, olio, burro, etc…  Ci si cuoce di tutto, frittate, uova, risotti, carne, pesce, tutto senza aggiungere condimento. E non attaccano assolutamente. Incredibili, veramente. Sicuramente la scelta giusta per noi mamme, che vogliamo cucinare in modo sano ma al tempo stesso gustoso per i nostri cuccioli.

Consiglio vivamente di andare a vedere il video sul sito…. secondo me vi lascerete convincere :-)   http://www.stonewell.it

 

Share:
Condividi

115 Responses to “Padelle “Stonewell”… ne vogliamo parlare?!?”

  • Giada:

    Le ho comprate anche io! Davvero formidabili, ideali soprattutto per chi, come noi, ha dei bambini, ma ottime per tutta la famiglia.
    Bellissimo blog, complimenti!

    • Ciao, grazie. Sì, effettivamente io ormai uso solo più quelle per cucinare. Insostituibili!

    • nicoletta:

      ciao a tutte le persone che hanno comperato le padelle della stonewell io ho avuto un piccolo problema che ancora non ho risolto quando cucino e si scaldano rilasciano un odore molto intenso di petrolio che poi mi rimane sul cibo ho provato anche a laverle diverse volte e adirittura a far bollire l’acqua dentro per diversi minuti ma non c’e’ stato niente da fare l’odore rimane sempre !!! se qualcuno sa darmi qualche consiglio vi ringrazio !!!

      • Ciao Nicoletta, anche a me all’inizio capitava, però pensavo fosse il manico, anche perchè sul cibo non rimanevano ne’ odori ne’ gusti strani. Dopo qualche utilizzo comunque l’odore è sparito. Ciao!

    • Paola:

      A circa un hanno tutte le padelle Stonewell si sono quasi totalmente raschiate e il rivestimento si è distaccato.
      Quindi queste padelle sono una truffa. Se avessi letto le
      recensione avrei risparmiato i miei soldi e avrei potuto compare delle padelle migliori e a buon prezzo!!!!!

      • Cavaliere Maria Carmela:

        Ho acquistato le padelle meno di un anno fà e vi assicuro che ne ero rimasta estasiata,il rivestimento è perfetto e non attaccano assolutamente,peccato però che proprio ieri mentre mi accingevo ad usare la grande è venuto via il manico,credevo si fosse allentata una vite invece con mio sommo dispiacere ho visto che si è rotto il pezzo di metallo che fà corpo con la padella ,il pezzo cioè dove fanno presa le viti e quindi deduco che sia solo da buttare

  • brizio:

    buonasera a tutti ,volevo sapere se qualcuno sa se si puo preparare il sugo con le padelle stonewell…..grazie

  • Giuseppe:

    La puzza di petrolio è insopportabile ….. le ho buttate e denuncerei volentieri l’azienda se non fosse che stanno a S.Marino i furboni.
    Alla larga, tra l’altro sono pure fatte male.
    Meditate bene.

  • Pier:

    ho ricevuto le padelle stonewell ma come le precedenti, devo dire che non riesco a togliere l’odore è fortissimo, ho provato con l’acqua con il latte ma niente da fare.
    Penso di farle analizzare ai NAS perchè inutilizzabili per la puzza e il sapore ceduto che rende NON commestibili le cotture..
    TEMO CHE SIA PEGGIO DEL TEFLON è UNO SCANDALO.
    Spesa inutile e cibi consumati cosa c’è di peggio ?
    Attendo riscontro. P.

    • Cavoli, è davvero pazzesco… per favore, facci sapere. Ciao

    • maria teresa:

      IO LE HO APPENA COMPRATE ,PURTROPPO SOLO OGGI MI E’ VENUTA IN MENTE DI DARE UN’OCCHIATA ALLE RECENSIONI,LA TUA MI HA COLPITA MOLTO E SONO MOLTO PREOCCUPATA , POTRESTI FARMI SAPERE DI PIU’ PER FAVORE ,TE NE SAREI MOLTO GRATA,ANCHE PERCHE’ HO UN BAMBINO PICCOLO E NON VOGLIO METTERLO A RISCHIO.GRAZIE

  • Ciao a tutti, ho fatto una ricerca su internet e ho trovato tanti che si lamentano dello stesso problema. Uno dei venditori risponde dicendo :”Ciao a tutti, rispondiamo alla vostre domande. Prima di iniziare a utilizzarle, le padelle devono essere lavate con acqua e sapone. Il consiglio per il primo utilizzo è di ungere la padella con olio d’oliva aiutandosi con una salviettina di carta di tanto in tanto. Questo dovrebbe eliminare l’odore di plastica senz’altro.” Effettivamente i post seguenti di coloro che avevano reclamato dicono che con questo trattamento l’odore è sparito.
    Guardate qui:
    http://www.dmail.it/prodotto/324414/Stonewell-3-padelle-in-alluminio-e-pietra.html

    • marco:

      ciao, io le ho buttate, PUZZA PUZZA DI PLASTICA/PETROLIO,comunque tutto cio che e’ made in cina vale poco, infatti cerchero’ di comprare il piu possibile prodotti made in EU. Se poi e’ made in Italy ancora meglio, meditiamo..CIAO

  • gian pietro:

    a tutti i lettori, io mi ci sono trovato benissimo le ho da un mese ed uso solo quelle.

  • Enzì:

    Io ho trattato le padelle come da istruzioni, ma niente sempre cattivo odore, che permane sui cibi. Non le consiglio ne per qualità ne per prezzo.

    • Yuri:

      Da qualche giorno anche in casa mia è arrivata la padella stonewell. A mio avviso non sono per niente quello che la pubblicità ci vuole far credere che siano. A parte l’odore di petrolio che di salutare penso abbia proprio nulla, la manutenzione prevede la passata con olio di oliva… che antiaderente è? Altra cosa che mi ha lasciato davvero perplesso è il MADE IN CHINA: siamo sicuri della qualità e soprattutto della propvenienza delle materie prime? Francamente non mi convincono molto. X mammachioccia: per caso fai parte del team di vendita stonewell? :-))

      • Beh, davvero un peccato. Io da quando le ho uso solo quelle e mi trovo benissimo.
        Hihihi, no, non faccio parte del team ne’ ho alcun interesse a pubblicizzarle. Semplicemente le ho comprate e ne ero super soddisfatta, mi trovo benissimo a preparare da mangiare per la mia piccola perchè non devo aggiungere condimenti.

  • massimo:

    Mi spiace ma l’odore/sapore di plastica/petrolio è presente eccome!
    Delle tre padelle dopo 4 cotture ognuna, sembra che sia passato (lavate piu’ volte acqua e sapone, conduzione con olio di oliva, cottura con acqua aceto, lavastoviglie e chi piu’ ne ha…)ma quella media e ancora insopportabile.
    E’ la 4 volta che “vomito” il cibo per l’insopport. sapore di plastica in esso. Cosa volete che sia. Sara’ il collante che incolla con la colla le polveri/pietre sullo strato di alluminio. Ma sa proprio di plastica/petrolio.
    Se la prossima volta (dato che la grande e la piccola iniziano ad andare bene) la media mi da un altro brutto effetto, allora faccio intervenire qualcuno come ha detto un utente sopra. Speriamo bene…

  • Ermanno:

    Salve! avevo intenzione di comprare queste padelle ma leggendo le recensioni ho cambiato idea, mi piacerebbe sapere se Pier “30 gennaio 2013 at 18:15″ ha effettivamente allertato i NAS e quali sono stati i riscontri anche per me il MADE IN CHINA è un campanello d’allarme, sappiamo bene che le leggi cinesi sono poco restrittive sul tipo di materiali che si usano in campo industriale. Cara mammachioccia anche i gas nervini sono inodore MA UCCIDONO!

  • Effettivamente un così alto numero di casi simili fa pensare… bisognerebbe provare a chiamare il numero dedicato indicato sul sito e vedere cosa dicono.

  • maltesemanuele:

    Ho appena ricevuto il tris di pentole e mi hanno dato gli stessi vs probblemi puzza di petrolio in cottura quindi ho buttato tutto il cibo.Le ho levate e rilavate ma niente, (acquisto tramite e-bay) rilasciato feedback neg. mi contattano per sapere se le voglio cambiare o se preferisco riavere indietro i soldi…….ero indeciso, ma mi avete con le vs illuminato. Meglio i Eurii

  • Più cerco su internet e più vedo che c’è chi le adora e chi invece ha avuto problemi. Invece per quelle della stoneline pare non ci siano lamentele. Magari chi è interessato al prodotto ma non si fida della marca può informarsi per quelle…
    Dopo quello che dite sono seriamente tentata di non usarle più… se qualcuno ha notizie più aggiornate o le fa controllare magari ci avvisa?

  • yuri:

    Devo ricredermi. L’odore è andato via e le bistecche adesso sono cotte davvero bene. Ho dato una bella passata con l’olio di oliva ed ho asciugato con il panno carta. Ho notato che l’olio è stato come assorbito dalla padella e questo mi ha fatto pensare alla porosità della pietra. Mammachioccia… avevi ragione :)

  • fabio:

    CIAO A TUTTI, OGGI HO RICEVUTO IL SET DI PENTOLE DI CUI UNA DEFORMATA. HO CHIAMATO IL NUMERO INDICATO E MI HANNO RISPOSTO CHE DEVO ANDARE ALLE POSTE E RISPEDIRLO A SPESE MIE CHE POI MI VERRANNO RIMBORSATE. ALLORA APPARTE LA NON GENTILEZZA DELLA CENTRALINISTA DEL SERVIZIO CLIENTI CHE è STATA NON PROFESSIONALE E NON DI AIUTO A CAPIRE COME SI DEVE FARE, PERCHE’ NON MI HA SPIEGATO COME MI DOVREBBERO ESSERE RIMBORSATI I SOLDI DELLA SPEDIZIONE E NON MI HA DATO ALCUNA GARANZIA DI NULLA, POI LE HO DETTO CHE DATO CHE (LEI DICE) MI ARRIVERà QUELLA SANA LE RESTITUIVO QUELLA DEFORMATA ED IL GIOCO ERA FATTO…….. INSOMMA MI HA FATTO VERAMENTE INDISPETTIRE, E SE IL BUONGIORNO SI VEDE DAL MATTINO………

  • BarbyMo:

    Ciao a tutti,
    mi è piaciuta la pubblicità e stavo x comprarle, ma ho internet a casa e per abitudine ho cercato informazioni. Lavoro nel Mkt e vi posso assicurare che i commenti positivi in questi casi sono pilotati e messi apposta. Diffidate sempre di prodotti made in Cina, specialmente se servono x cucinare.
    ADESSO SO CHE NON LE COMPRERO’ MAI – Grazie!!!

    • Col senno di poi, visto il polverone sollevato, non le ricomprerei nemmeno io, ma proverei una’altra marca. Non posso però negare di essere stata fortunata…le mie non mi hanno dato problemi, le trovo ottime ed ormai per cucinare uso solo quelle. Quindi consiglio a chi fosse interessato di comprarle, perchè come prodotto (inteso come cottura su pietra) sono fantastiche, però di vagliare altre marche.

    • yuri:

      Anche io ho sospettato che i commenti positivi siano pilotati, ma in realtà, parlo per me, a parte la diffidenza iniziale, il prodotto mi sembra buono. Per quanto riguarda il made in china poi, spero che l’azienda mandante ne curi anche l’aspetto qualitativo delle materiel prime. Anche altri famosi e prestigiosi marchi fanno lavorare in china ed materiale è buono. Spero sia così anche per questo caso. Basterebbe poco: in Italia servirebbe una regolamentazione sanitaria specifica che analizzasse questi prodotti prima di autorizzarne la vendita

  • Paolo:

    Meno male che ho letto questo forum, mi ero convinto all’acquisto ma lette tutte queste critiche optero’ per altre pentole di altre marche e sopratutto andro in negozio dove posso toccare con mano il prodotto e verificare la provenienza.

  • Adalberto:

    Intenzionato ad acquistarle, ma spaventato dai commenti negativi, suggerisco all’importatore di SanMarino di farsi rilasciare un certificato da qualche Politecnico italiano NOTO con i dati per verificare l’attendabilità della certificazione da parte degli acquirenti. Nell’attesa NON LE COMPRO: con cibi e stoviglie non si può scherzare!

  • Engy:

    Cia anche io per un primo momento sentivo sempre l’odore fortissimo di petrolio, infatti ho anche buttato via del cibo cotto, ma poi ho chiesto come potevo fare per togliere quell’odore e la soluzione è stata acqua e aceto per una giornata intera, devo dire che ora non sento più alcun odore..ciao

  • francy:

    buon pomeriggio ho fatto l ordine di queste padelle proprio 5 minuti fa’ mi ero gia’ informata in tanti siti ne parlano bene ma leggendo qui ho cambiato idea,visto che non le ho pagate (pagamento alla consegna)come posso fare?quando arriva il corriere posso rifiutare il pacco??con i cibi non si scherza e poi non mi fido del made in china!!

  • francy:

    servizioclienti@stonewell.it. questo indirizzo e-mail non e’ valido volevo contattarli per annullare l ordine,come fare??

  • Luca:

    Padella Stonewell una vera e propria truffa !!! Dopo un po’ di tempo che la ho usata, il rivestimento in pietra (quale pietra??) non esiste più. La padella cuoce come una qualsiasi altra e per pulirla ci vuole lo “scalpello” !! Per di più sono stato contattato più volte dal call center perchè vogliiono vendermene altre !! Ma andate a truffare qualcun altro !! Propongo una denuncia di massa per questi “ladruncoli” da quattro soldi.

    • yuri:

      Io ho risolto il problema seguendo le istruzioni: ho passato la padella con una mano di olio di oliva e l’ho distribuito con il panno carta, facendolo assorbire. Devo dire che sono davvero contento adesso e mi sono ricreduto sul primo giudizio di perplessità che avevo espresso.

    • AGATINO:

      SIETE DEI LADRI XCHE CHUELLO CHE DITE IN TV NON E VERO CHE LE PADELLE NON SI SCHEGGIANO E UNA TRUFFA ORA MI DITE DI MANDARE LE PADELLE IN DIETRO E CHE DEVO PAGARE ANCHE IL TRASPORTO A MIE SPESE COMUNQUE E STATA LA PRIMA E LUNTIMA VOLTA CHE COMPRO TRAMITE INTERNET ECCO PERCCHE LE PERSONE NON COMPRANO PIU TRAMITE INTERNET XCHE SIETE DEI TRUFFATORI

  • paolo:

    Da pochi giorni ho acquistato le pentole di pietra di marca stoneline fabbricate in Germania e non ho avuto assolutamente nessun problema, al contrario mi trovo benissimo, specie per la preparazione dei risotti che sono la mia passione.
    Si cucinano da soli, basta aggiungere ogni tanto un pò d’acqua e non si attaccano nel modo più assoluto.
    La stessa cosa usando le padelle si cucina di tutto anche con risparmio di tempo.
    Pur riservandomi un pò di tempo visto il tempo limitato di utilizzo non posso che essere più che soddisfatto e le consiglio.

  • carla balivo:

    Prima di comprarle ho chiesto al centralino come veniva fabbricata la padella, poichè la padella è fatta di piccoli pezzi di pietra uniti insieme.. ma con cosa?
    Putroppo non ho avuto nessuna risposta. Credo che sia necessaria una maggiore informazioni.
    Quello che non capisco è perchè dovrebbero essere vendute delle padelle pericolose… , ma vedo che normalmente vengono vendute padelle antaderenti che non sono un gran che (anche quelle rivestite in ceramica) …. non durano anni ma mesi . Ecco dovremmo essere certe quando acquistiamo soprattutto per cucinare..di cosa si tratta!!!…. con le stonewell ci fanno sperare in qualcosa di eccezionale …ma dovrebbe essere suffragato da maggiori dettagli tecnici… Qualcuno li ha? L’azienda mette a disposizione queste informazioni? Io purtroppo non le ho ricevute!

  • piero:

    Le particelle di pietra sono tenute insieme da una resina (plastica) resistente alle alte temperature.
    Del teflon ormai si sa tutto e dei rischi che ha.
    Volete fare da cavie a questa nuova generazione di padelle? Io non ci tengo aspetto qualche anno.
    Non si scherza con la salute solo per la pigrizia di lavare qualche padella.
    Ciao

  • giuliano e anna:

    sentite a me sono arrivate ieri, le padelle sono assolutamente perfette sono più pesanti delle solite…e soprattutto sono anti odore,
    l’odore della plastica era forte ma era solo ed esclusivamente sulla plastica d’ imballaggio sulle padelle nessuna traccia di maleodoranti odori quindi…e poi ditemi dove ci sarebbe scritto made in china???!!!!
    io sono soddisfatto, per pranzo ho fatto patate e salciccia nella stonewell e il cibo aveva tutto il sapore della carne su pietra.
    Fate voi

    • Ciao! Fortunato come me allora! Io continuo a trovarmi più che bene, non mi hanno mai dato problemi, anzi! Del made in China, non posso dire un gran che perchè la scatola l’ho buttata praticamente subito, senza leggere la provenienza…
      Ciao!

    • yuri:

      La scritta “made in china” è sulla scatola.
      Tuttavia concordo con il tuo parere: anche sulla nostra l’odore è andato via subito ed era più che altro contaminato dall’imballaggio. Mia moglie la sta usando regolarmente e si trova benissimo. La qualità di cottura – parlo per la carne – è davvero paragonabile alla pietra. Credo però, a questo punto, che la Stonewell, o chi per lei, dovrebbe tranquillizzare sui componenti.

    • dany:

      Rispondo a Giuliano ed Anna: il made in Cina è scritto ovviamente solo sulla scatola … smontate di manici e a guardare bene nemmeno ben saldate al manico!! io direi soldi rubati!!

  • LUISA:

    Anche le mie puzzano di petrolio e l’odore non esce con niente ….bella truffa. Tra l’altro la sede a SAN MARINO la fa lunga……

  • dani:

    ho letto tutti i commenti però come al solito tanti giudizi tutti discordanti all’improvviso mi viene in mente il governo italiano cmq tornando alle pentole non le compro e chiudo la questione almeno per me

  • gianfranco:

    Avevo intenzione di acquistarle ma leggendo i vari commenti mi sono preoccupato e per ora ho rinunciato, Però trovo che sia scandaloso che sia possibile vendere in Italia prodotti per cucinare di cui non sono chiare le materie prime impiegate e soprattutto i potenziali effetti sulla salute! In questo modo si mette a rischio la salute dei cittadini e nessuno si muove! Eppure basterebbe poco: ogni prodotto per alimenti e per cucinare deve essere testato da un organo certificatore che attesti la assoluta tranquillità del prodotto. Così facendo si tutelerebbe non solo la salute dei cittadini ma anche i prodotti delle nostre aziende. Altre che made in China!

  • Sono assolutamente daccordo, purtroppo però questo capita spesso, anche con pentole (o altri prodotti) normali comprate al supermercato. Solo che spesso non ci fermiamo a pensare…. dovremmo essere più attenti.

  • Simone:

    Viste ieri all’Auchan di Cuneo…. di tutto sembrano fatte meno che di pietra.
    Desisto.

  • Permettetemi di rispondere a quanti di voi parlano di commenti “pilotati”, sentendomi direttamente chiamata in causa. Ho pubblicato questo post in quanto, come per altri articoli/prodotti, mi sembrava utile e positivo parlare di qualcosa che mi aveva soddisfatto e che coinvolge le mie abitudini di donna e soprattutto di mamma. Io ho acquistato queste padelle e mi sono trovata bene. Forse ho sbagliato a non preoccuparmi di verificarne la provenienza e le materie usate, ma francamente devo dire che di tutte le pentole che ho ed ho avuto negli anni, non ho mai controllato nulla di tutto ciò. Comunque sia, non avrei nessun problema a riconoscere se avessi (e non ho) un tornaconto nel sponsorizzare questo articolo. Lo faccio apertamente con altri articoli (vedi varie collaborazioni e pubblicità sul blog), quindi non avrei problemi ad ammetterlo, anzi…
    mi dispiace se ho spinto qualcuno di voi ad un acquisto che lo ha poi deluso, ma non era nelle mie intenzioni e non avevo alcun secondo fine…

    • yuri:

      Concordo con Mammachioccia. Quanto a te, Valeriano, pensala come vuoi e mi raccomando: tieni sempre gli occhi bene aperti! Ma non è il caso di ricordartelo, non ti scappa nulla… sei riuscito a smascherare noi subdoli venditori di pentole.

      Scusa lo sfogo, ma anche io ho solo pubblicato le mie titubanze per poi ricredermi grazie all’esperienza avuta. Se non si sa di cosa si sta parlando, sarebbe meglio trattenersi dall’esprimere giudizi.

  • PIETRO:

    Se esiste qualcuno che mi dimostrare che tutto quello che abbiamo mangiato, bevuto e respirato sia del tutto naturale concordo con tutti quelli che la pansano in modo negativo. Altrimenti anche il fuoco della brace fa male alla salute! Il latte artificiale fa male, la soia fa male, il veleno che usano nelle verdure fa male, l’acuq minerale ed imbottigliata da mesi fa male, devo continuare????? Tronando al respiro e mettiamo che una nube tossica di radioattività passi davanti a voi, potete fare a meno di respirare per 30 minuti? il punto è un solo siate sereni e cercate di vivere in pace con voi stessi!

  • sergio:

    Ho comprato una di queste stonewell in un centro commerciale lasciandomi ingannare dalla publicità in tv,mi sono sembrate un pò leggere da subito,prima di usarle l’ho lavata con acqua e sapone e l’ho unta con olio che si è assorbito subito.Poi le ho messe alla prova quando si è riscaldata ha cominciato un pò a fumare in un primo momento pensavo fosse normale,ma ho percepito un odore strano un misto di plastica bruciata e olio motore bruciato
    l’ho tolta subito dal fuoco e padroni di non credermi il cibo aveva lo stesso odore e ho dovuto buttarlo…Va be non bisogna aggiungere olio forse perchè l’olio lo contengono già loro ;-) a parte gli scherzi sono deluso e le sconsiglio P.S. la scritta made in Cina esiste si trova sul retro della scatola in piccolo sopra il barcode

  • Maria:

    Ho acquistato una padella Stonewell ma non tramite la TV ma in un Centro Commerciale, è vero che è made in Cina ma ho provato proprio questa sera a cucinarci, e non sento nessun odore.
    La padella da cm 20 è molto pesante e sotto è ben rifinita.

  • S.Pippo69:

    Ciao a tutti ….delusi e ” venditori “….lavoro in Cina per lunghi periodi durante l’anno, girando da nord a sud….da est a ovest…è incredibile come il popolo Cinese possa sopravvivere con tutto l’inquinamento che c’è, aria …terra ….mare ….la cosa che è subito evidente, e che ci sono pochissimi anziani in giro …..forse percè oggi non arrivano a superare i 60° anno ???? Oggi non sto a raccontarvi cosa ho visto nei miei viaggi …ma sicuramente VI CONSIGLIO DI NON CUCINARE CON PRODOTTI CINESI CHE POSSONO INTACCARE ANCHE LA NOSTRA SALUTE !!!! PENSATECI BENE !!!! VALE LA PENA RISPARMIARE 4 SOLDI PER POI ROVINARSI LA SALUTE MAGARI TRA QUALCHE ANNO ???
    RINNOVO I SALUTI… ANCHE A MAMMA CHIOCCIA E COMPARE …CHE SI POTREBBERO DEDICARE ALLA VENDITA DI QUALCHE BEL PRODOTTO MADE IN ITALY !!! ( anche mia moglie le voleva comprare….ma resto fermo alla pietra ….quella vera ). !!

    • Caro Pippo, mi dispiace leggere tanto astio nelle tue parole. Concordo con te sulla scelta dei materiali e l’attenzione maggiore che dovremmo usare nell’acquistare un prodotto, soprattutto se verrà usato per cucinare, ma ammetto che tante volte ho acquistato pentole o altro, al supermercato, in negozio, etc., senza badare alla provenienza o ai materiali, ma semplicemente perché mi piaceva esteticamente, o era in offerta, o superficialmente mi sembrava un buon prodotto. Detto ciò, permettimi di controbattere alle tue illazioni scontate e superficiali: come ho già ribadito, non ho alcun interesse a promuovere queste pentole, anzi, se avessi letto meglio tutti i commenti, avresti notato che appena è scoppiata la polemica mi sono documentata meglio ed ho invitato i lettori ad orientarsi su altre marche… inoltre, e se avessi letto lo sapresti, tutte le volte che pubblicizzo un prodotto, è ben chiaro il mio interesse commerciale… non uso mezzi subdoli, soprattutto in un blog dedicato principalmente a mamme e bambini… mi dispiace che tu non abbia colto lo spirito del mio blog: creare una comunità, un punto di incontro ed una raccolta di consigli PRO mamme e bambini; di certo NON MIRO A ROVINARE LA SALUTE DI NESSUNO, SOPRATTUTTO DEI MIEI E DEI VOSTRI FIGLI.
      Rispondo infine al tuo secondo commento circa l’orario del tuo post, invitandoti a contattare l’amministrazione di ALTERVISTA, trattandosi questa di una piattaforma libera e gratuita offerta da altervista stessa… ah, per la cronaca, sto scrivendo alle h 11:35… nel caso ti interessasse…

  • S.Pippo69:

    ………..come mai sul forum ho scritto il commento alle 10:00 e invece viene pubblicato come se fossero le 07:59 ???
    sento odore di bruciato …anche quì !!!

  • antonella:

    Anche io ho comprato tutti e 4 i pezzi!!!!…l’utilizzo delle stesse è ottimo! ma un pensiero che mi tormenta giorno dopo giorno
    è: Contengono Nikel????????……….
    cari saluti…resto in attesa di vostri consigli!

  • nino:

    Ciao, le ho comprate anch’io tramite un sito internet. Sinceramente mi sono fatto attrarre dalla pubblicità in tv, davvero accattivante. Le ho aperte proprio questa sera e mamma mia che odore nauseabondo di petrolio misto a plastica. Non penso le userò mai anzi cercherò di farle analizzare, non so ancora come ma qualcosa mi inventerò. P.s. non compratele !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • Elena:

      Salve a tutti,
      io ho acquistato le padelle circa 1 anno fa e francamente non ho avuto il problema dell’odore di petrolio, anzi io ormai cucino soltanto con queste, mi sembra tutto più facile e veloce ed il sapore del cibo, in particolare delle verdure, rimane più al naturale. Forse sarò stata fortunata, infatti ne abbiamo acquistate altre 3, peccato che non ci sono anche le pentole.

  • SALCLA:

    Salve a tutti
    io e mia moglie, ieri,in una fiera, abbiamo acquistato una padella/bistecchiera dal nome “Grillo”-la cottura della pietra. Il rivestimento assomiglia tantissimo a quelle delle padelle Stonewell e ci siamo lasciati tentare sia dalla dimostrazione (cottura di verdure e formaggio davanti ai nostri occhi senza la minima traccia di bruciato e attaccature) sia dal prezzo (€ 25,00 per padella+coperchio in vetro + 3 accessori in plastica). Leggendo però con calma il dépliant illustrativo, a casa, abbiamo scoperto che, pur essendo il prodotto interamente italiano, almeno così è scritto sul dépliant, la pietra non l’ha vista nemmeno lontanamente. Si parla di lega di alluminio e smalto antiaderente.C’è pura una dichiarazione di conformità (scritta in carattere illeggibile: ci vuole la lente di ingrandimento, ma siamo riusciti a risalire ai Decreti a cui fa riferimento e si tratta del D.L. n. 108 25.01.1992 e D.M. 21/03/1973 ma questi parlano dell’assenza di piombo nei contenitori per alimenti). La Ditta, ricercata tramite internet, è di Cattolica,che è molto vicino a san Marino…. Insomma, mi puzza tanto di imbroglio….Ma perchè se questi prodotti sono così naturali e salutari non lo dichiarano chiaramente, con tanto di test verificabili? Io sto cercando di restituire il prodotto, ma avendolo acquistato da un’ambulante in Fiera sto cercando il metodo legale per poterlo fare.
    In risposta al Post di PIETRO on 3 aprile 2013 at 09:57
    vorrei dire che sull’alimentazioen non si scherza.Proprio perchè voglio vivere rilassato e felice voglio essere sicuro di non essere preso per i fondelli da chi spaccia alimenti naturali per alimenti biologici (c’è una bella differenza) o come in questo caso, padelle in smalto antiaderente per padelle in pietra lavica: questa è una truffa in comemrcio, punibile per legge!

  • Savio:

    Proprio oggi ho telefonato per acquistarle, 119 € le 3 padelle + i coltelli… ho letto troppi commenti negativi e, effettivamente, anche il prezzo mi sembra eccessivo, sto cercando di chiamare per annullare l’ordine ma nn riesco a mettermi in contatto… uffff avrei fatto bene a consultare internet prima di ordinarle… speriamo bene

    • rinaldi pietro:

      Ciao savio, prendile tranquillamente, le ho prese anch’io e ti garantisco che sono una cosa fenomenale, non ascoltare le cazzate che dice la gente, le critiche ci sono e ci saranno sempre su tutte le cose. ciao

  • Savio:

    Cmq, se volete un consiglio, ho acquistato il TESTO ROMAGNOLO a Napoli da un venditore ambulante e mi sono trovato benissimo… si può cucinare di tutto e col coperchio sembra di cucinare al forno senza olio o altri condimenti…

  • Adriano:

    Salvo,
    ho acquistato ieri in un ipermercato (Auchan) une pentola Stonewell 24cm 39€, oggi mi sono cotto una bistecca (svizzera) dopo avere lavato per la prima volta la pentola, con acqua e detersivo liquido. Tutto è andato bene, la bistecca si é cotta senza niente grassi e non ho sentito nessun odore. ho anche cotto una cipolla tagliata a fette, e sono contento del risultato.
    Saluti a tuuti :)

  • iris:

    Ciao, scusate la domanda, ma qualcuno le ha fatte sottoporre ad analisi e controlli dai NAS come scritto? C’è qualche risposta?
    Grazie

  • Gina Irranca:

    Ho acquistato una padella stonewell, con la bistecchiera e i coltelli “in omaggio”. Non ho trovato nella confezione alcuna garanzia, come promesso, né alcuna indicazione relativa al come usare pentola e bistecchiera, cioè al riscaldamento delle stesse, prima dell’uso, per non parlare poi dell’uso di strumenti metallici, che nella pubblicità sono permessi, e nella descrizione, scritta in caratteri minuscoli, è assolutamente sconsigliata. E neppure uno straccio di ricetta!
    Per i coltelli, o meglio per l’imballaggio degli stessi, mi è stata chiesta la somma di 15 euro ed io ho aderito perché in televisione gli stessi sembravano corredati dal ceppo. L’imballaggio da 15 euro in realtà è una scatoletta di cartoncino fragilissimo. Altro che imballaggio. E poi ho dovuto pagare anche 15 euro di spese di spedizione…
    L’unica cosa positiva è la mancanza di odore.
    La padella è decisamente diversa da quella che appare sul video: la base è piccola, mentre in video è quasi ampia come il bordo.
    Qualcuno ha qualche consiglio da darmi e un ricettario da suggerirmi?
    Grazie.

  • paolo:

    Anche le padelle MONETA in ceramica sono una vera e propria delusione per 3 mesi niente da dire, ma poi si comportano come le peggiori padelle in commercio diffidate dal comprarle poi la garanzia è inesistente vogliono che gli rimandi a loro la padella poi valuteranno …così resti senza padella e nè rimborso

  • debora93:

    mi sono arrivate oggi ma nn sono le padelle ke o visto in tv o telef e mi anno detto ke quelle sono made in china e a me anno mandato made in italy…sono diverse sia le padelle i coperchi e i manici e nn me lo avevano detto…i coltelli sono senza ceppo e o pag 15 euro più 15 euro di spese spedizione…una truffa nn compratele!!!!se solo avessi letto prima i commenti!!!

  • debora93:

    e x di più o kiamato e mi anno detto ke se voglio il rimborso le spese di spediz sono a mio carico sono intorno alle 25euro…oppure devo cambiare con le altre padelle ke sono made in china e mi anno detto ke puzzano di petrolio…ne o ordinate due tris uno e di mia cugina abbiamo speso tutte e due 200;23euro!!!questa e una truffa vera e propia!!!queste persone vanno denunciate!!!

  • Marina:

    Ciao a tutti anch’io ho acquistato 3 padelle Stonewell e confermo il loro orribile odore sui cibi Ho provato anche ad ungerle per il primo utilizzo ma niente da fare Non si potrebbe fare una Clas action visto che siamo in tanti ????

    • laura:

      le ho comprate anch’io a natale ,la puzza è davvero tanta io ho risolto facendo bollire acqua e limone,poi acqua e aceto spero di esserti stata utile ciao

  • rita:

    Stavo giusto per comprare le padelle Stonewell viste in TV e meno male che mi è venuto in mente di cercare su internet non per post dei commenti ma per saperne di piu’ circa questo prodotto, dopo aver letto tutti questi commenti e per il 99% negativi, ho deciso che non le comprero’ affatta il made in China lo utilizzini a casa loro ogni loro prodotto è veleno e lo sappiamo tutti.
    Ringrazio tutti coloro che hanno postato il loro commento fornendo un servizio di informazione a tutti noi.

  • rinaldi pietro:

    Buon giorno, voglio commentare per quanto riguarda le lamentele sulle padelle stonwell, assolutamente non è vero quello che dicono sulle stonwell che sono nocive, che sono fatte male, assolutamente non. Io le ho comprate e posso dire che sono un fenomeno puoi cucinare 100 volte una dietro l’altra non si attacca mai, se si rompono e perchè dipende da chi li usa, bisogna farle raffreddare prima di lavarle. purtroppo le critiche ci sono sempre, in tutte le cose. Sono davvero FAVOLOSE compratele.

  • yuri:

    Non ho più postato commenti in risposta alle fastidiose insinuazioni rivolte a Mammachioccia e “compare” (che presumo essere io) perché li ritenevo una perdita di tempo.
    A distanza di qualche mese posso dire che, sì, le pentole vanno bene, ma se non passo un panno con olio prima della cottura, i cibi si attaccano… oltretutto, usando un semplice coltellino da cucina per tagliare un pezzo di carne, la pentola si è segnata… Le tue Mammachioccia sono rimaste integre?

    • Bentornato Yuri! Effettivamente, a forza di usarle, il rivestimento antiaderente è praticamente sparito ed i cibi attaccano un pochino…. Ho visto che un paio di settimane fa erano in vendita anche alla Coop…

      • YURI:

        Essendo un poco maldestro in cucina ho pensato di aver abusato io della superficie, ma sono sicuro che tu, Mammachioccia, sei più fine di me e se anche tu ti trovi nei miei stessi panni.. mi consolo. Vabbè…. anche questa esperienza è stata fatta! Alla prossima ;)

        p.s.: se penso poi che il nostro commento positivo era tutto “pilotato” e non ci hanno ancora fatto il bonifico… ah… tristezza… ^_^

  • ale:

    compratele adesso fanno schifo sono cinesi non anno il marchio fanno puzza il formato è diverso sono + leggere e meno spesse e sono + chiare dio colore diffidate le abbiamo rimandate indietro ci avevano detto che inviavano quello con il marchio stonewell e invece ci anno rimandato le stesse!!! non compratele

  • olindo:

    salve ho comprato la padella da 28cm è costata.
    allora volevo dire alle persone che sentono quell’odore di petrolio devono tenere la padella una notte anche due-
    con sale grosso e aceto, vedrete scomparirà quell’odore sgradevole , inoltre ricordate sempre di lavarlo con acetto e non acqua e sapone , poi ancora ricordate senpre di ungerla con oli quando non la usate. andrà meglio fidatevi. salutoni

    • stefano:

      ma notte di luna piena o no? ma smettetela!!!! comperando padelle di indubbia qualità, non c’è bisogno di nessuna macumba…e rito esoterico per iniziare a cucinare! nei negozi pulula di queste padelle dall’accattivante colore della pietra… ma se con una semplice forchetta si può raschiare il sottile strato plastico e subito compare l’alluminio, mi sapete dire dove sta la pietra… con la pietra si arrota l’acciaio… è evidente che c’è un rivestimento a base di resine che vanno a sostituire il teflon….oggi al bando!!!! ma tra una 10ina di anni, uscirà fuori che qeusta pietra delle dolomiti svizzere farà ancora peggio del teflon…. in definitiva ogni qualvolta si deve vendere, bisogna dire pur qualcosa!!!

  • luisa:

    oggi ho acquistato in un ipermercato una padella del tipo bistecchiera, ho provato a fare delle uova strapazzate, e udite udite, nessun odore, non attacca, ed è rimasta pulitissima, nel togliere le uova, devo dire che avevo acquistato tempo fa 3 stoneline, pensando fossero le originali, ma purtroppo, non possono essere usate senza condimento, fanno la fine delle altre padelle, per me ,quelle erano una fregatura, le avevo acquistate in internet, dopo una dimostrazione video, quindi…devo dire che non avevo notato che erano cinesi, forse non l’avrei presa, essendo prevenuta, come molti, sui prodotti cinesi, la mia intenzione è di acquistare anche una padella,mi viene il dubbio, che tutti questi commenti diversi, siano perchè magari, ci sono molte imitazioni, non trovo altra spiegazione, proverò con l’altra padella prossimamente e vi sapro’ dire.

    • yuri:

      io Luisa le ho acquistate chiamando il numero che c’era in sovraimpressione durante la televendita in tv. Forse, come dici tu, i lotti fabbricati in cina sono più scadenti dei lotti europei.

  • massimo:

    Ciao a tutti, sono un ristoratore e per curiosità ho comprato una di queste famose pentole. Purtroppo mi aggrego ai delusi. Odore non adeguato che si trasmette ai cibi e con uso frequente pur con la dovuta cautela il rivestimento si rimuove; del resto come già denunciato è un “made in china”. Ultima cosa: mammachioccia di che vivi?????

    • massimo:

      p.s. Uso normalmente la vera pietra lavica e vi assicuro che tutt’altra cosa.

    • Beh, il mio intento era quello di consigliare un prodotto che mi era piaciuto….comunque sia almeno abbiamo raccolto una serie di testimonianze che faranno riflettere i possibili acquirenti.
      Massimo, sono una semplice impiegata….

  • leopolo:

    Salve a tutti, volevo acquistare le padelle in questione, ma i vostri commenti mi han fatto desistere, allora ho comprato la serie granitica di Barazzoni, made in italy 1 padella 28, 1 work 28, 1 coperchio in pyrex 28, 85 euro compresa spedizione. Sono arrivate le ho unte e dopo qualche ora le ho utilizzate. Nessun odore e non si attacca il cibo. Ah imenticavo, 5 anni di garanzia!

  • miriam:

    io ho trovato delle pentole con rivestimento in pietra Stone made in italy, in un sito, duebicasalinghi, così x caso, anzi a dire il vero avevo letto alcune recensioni e incuriosito ho voluto provarle, devo dire che non avevo mai trovato delle padelle che cucinassero in questo modo, cioè fantastiche, hanno una pesantezza molto elevata, il manico staccabile, possono quindi andare anche in forno !! praticamente ora uso solo queste, e tra l’altro non costano neanche tanto.. certo se uno vuol spendere meno di porcheria in commercio se ne trova tanta e quasi tutta made in cina!!!

  • roberto:

    Salve,
    per motivi professionali ho molta conoscenza dei metalli e della lavorazione di essi e quando ho visto queste padelle vi assicuro che ho potuto notare che non sono affatto un prodotto tecnologicamente ben realizzato; inoltre anche se fossero davvero di pietra massiccia (cosa che non lo sono), chi vi ha detto che la cottura su pietra è la migliore?? Nella pubblicità sostengono che è la migliore come usavano i nostri antenati, ma anche l’amianto l’hanno usato per decenni i nostri antenati e purtroppo sappiamo bene come è andata a finire!!
    p.s. Nella maggior parte dei ristoranti usano le padelle di metallo.
    buona cottura inquinata a tutti.

    • roberto:

      ah, dimenticavo….diffidate dei prodotti Made in China, in particolare per la cucina e la tavola; come per esempio le posate, sono leghe pessime, meglio acciaio inox italiano o tedesco.
      :-)

  • nelle mie ormai la “pietra” si è praticamente dissolta… soprattutto la padella più grande che uso più spesso ha cambiato colore ed ha perso lucidità. Mi dispiace perchè sulla carta sembravano un ottimo prodotto….

  • heidi:

    meno male ho letto le recensioni, avevo visto la pubblicità in Tv e volevo acquistarle!
    poi, stoviglie made in china, no grazie. morale della favola…..prima di comperare la meraviglia che vi promette la televendita…. fate un giro in internet e controllate le recensioni….

  • AGATINO:

    SIETE DEI LADRI

  • lello e paola:

    Sono rimasto colpito ultimamente dalla moda delle padelle “di pietra” (Stonewell, Stoneline, quelle azzurre su mediashopping, quelle della Tognana) e stavo per comprare anche io le Stonewell quando invece me le ha regalate una parente che le ha comprate anche per sè dichiarandosi contentissima (detto fra noi e’ nota in famiglia per prendere fregature colossali con gli acquisti online..) .

    A caval donato non si dovrebbe guardare in….però…sono 100% Made in China (almeno le mie) e sono rimasto deluso dal formato assolutamente differente da quello mostrato in tv. Uno dei manici ballonzola . I coperchi sono così così. Ancora non le abbiamo usate pero’ devo dire che strofinando un dito sul rivestimento si sente la puzza segnalata da molti (tra petrolio e solvente nitro). Mi associo quindi ai potenziali scontenti, ma mi riservo di usarle per pronunciarmi fra qualche giorno.
    Credo in definitiva che ci siano due lotti di produzione , uno dei quali (il primo forse che serve per costruirsi la clientela) Made in Italy , l’altro …quello che e’.

    Ovviamente la storia della pietra etc etc e’ uno specchietto per le allodole. Il rivestimento e’ un laminato simile al Teflon , forse un po’ più duro, ma si raschia via anche questo se veramente uno usasse le forchette o i coltelli per tagliare la carne dentro la padella come mostrano in TV.

    Qualcuno mi ha detto che la batteria Evoluta della Tognana (tra 117 e 150 euro in web) e’ altra cosa, però se non la vedo e tocco di persona non la compro online.

    D’altra parte se il 99% degli chefs del mondo si guardano bene da usare le antiaderenti di qualsiasi genere una ragione deve esserci.

    • Lionello:

      come hai fatto, mi stupisco…
      basta sto sito mi ha rotto siete dei boccaloni tutti quanti

    • Lionello:

      ma poi te quanti chef conosci?
      usano le padelle antiaderenti a temperature giuste, studiano il materiale,
      se la preparazione lo richiede si, usano il teflon
      non sono boccaloni come te, leggi documentati, e spegni la televisone

  • Cari amici, ma visto che c’è la possibilità di recesso se non siete conten ti come mai nessuno si è avvalso di questo?

    Comuque oggi ho comprato le padelle, le provo e s non sono soddisfatto torno all’Iper e mi faccio rimborsare.

    Grazie a tutti per aver riportato la vostra esperienza

  • indecisa:

    ciao, anche io volevo acquistare delle padelle in pietra…a questo punto quale consigliate di comprare? vedo che anche molti marchi italiani si stanno cimentando…ma quali caratteristiche bisogna guardare? le migliori sono davvero in pietra? o hanno in pietra solo il rivestimento esterno? mi rivolgo anche a chi ha comprato le stoneline che sembrano più di qualità delle stonewell.

  • Johnf853:

    Immigration …the time to read or check out the content or sites we have linked to below the… dkdgeebcfead

  • Lionello:

    Ma come avete fatto tutti quanti a comprare delle pentole così brutte?
    Già il colore fa schifo e poi comprate le pentole senza averle mai toccate con mano? Credete veramente a tutto questo paese è allo sbando.
    La prossima volta prendete in mano la padella, in un negozio vero, leggete fino a quanti gradi si degrada la superfice, se non c’è nickel e altri metalli pesanti, comprate padelle europee o USA, che hanno fatto i test.. ma ragazzi…. non ho più parole.. ci mangiate la dentro e le scaldate anche tanto.. consiglio? buttate tutto e risparmiate sui caffè del prossimo mese e fatevi 1 padella seria, almeno 1…

  • Salvatore:

    Salve Io ho letto tutte le vostre recensioni sono un cuoco Volete un consiglio comprate la batteria Tognana Evoluta costa dai 120 ai 130 euro su Amazon vi assicuro che in giro è la batteria migliore in assoluto nella fascia medio alta prodotta in Italia con studi e ricercatori tedeschi.

Leave a Reply

*